Stazione Sperimentale di Spino d'Adda

Attività

La stazione sperimentale di Spino d'Adda rappresenta uno dei più importanti siti sperimentali in Italia (e nel mondo) per gli studi di propagazione delle onde radio in collegamenti spazio-terra. Ospita strumentazione di proprietà del Politecnico di Milano, dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e dell'IEIIT-CNR (Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell'Informazione delle Telecomunicazioni-Sezione di Milano – Consiglio Nazionale delle Ricerche).
I più importanti strumenti sono:
  • RADAR Meteorologico (Doppler) in banda S
  • Ricevitori con antenne ad elevato guadagno (diametro 3,5 metri) per frequenze comprese tra 12 e 50 GHz
  • Stazioni rice-trasmittenti operanti alle frequenze dai 20 e 30 GHz (con antenne con diametro di 5 m)
  • Radiometri (singolo canale a 13 GHz, doppio canale a 20-30 GHz, triplo canale a 20-30-50 GHz)
  • Pluviometro e stazione meteorologica

La stazione sperimentale è operativa dal 1979 ed ha preso parte ai più importanti esperimenti di propagazione (Sirio, Olympus and Italsat), consentendo l'acquisizione di misure di attenuazione e depolarizzazione a frequenza comprese fra 11 e 50 GHz, oltre a misure di distorsione di fase e ampiezza intorno a 40 GHz. Sono inoltre state condotte estese campagne di misure radiometriche per applicazioni di propagazione e remote sensing.
Il radar meteorologico è stato utilizzato nel recente passato anche per applicazioni ambientali, quali fornitura in tempo reale di mappe di pioggia alla Regione Lombardia (per scopi di protezione civile) e per lo studio della migrazione degli uccelli.
La stazione è oggi in fase di ammodernamento: l’ASI ha infatti recentemente erogato al DEI un importante finanziamento per il ripristino e l’aggiornamento delle apparecchiature, in vista dei prossimi esperimenti previsti con il lancio del satellite europeo Alphasat (pianificato per fine 2012).
  Area di Ricerca
Linee di ricerca


Informazioni di servizio


Ulterirori informazioni sono disponibili al sito: http://risorse.dei.polimi.it/ApEMG/spinoX.html